San Pellegrino ( 25 agosto )

 

Battenti 1.bmp (759834 byte)       Battenti 2.bmp (908038 byte)

Sfilata dei Battenti

 

Nel 1780 il Padre Giuseppe Maria Crescitelli di Altavilla ,Provinciale dell'Ordine dei Servi di Maria Addolorata in Monteoliveto di Napoli,ottenne da Pio V di poter prelevare, dal cimitero di Ciriaca in Roma , le reliquie di un martire. Sull'urna Egli lesse il seguente epitaffio : Peregrinus Martyr sub Commodo Imperatore mactatus, A.D. CXCII.

Le reliquie furono dapprima custodite presso la chiesa dell'Annunziata ,poi, trasferite nella collegiata di Maria Assunta , furono collocate su di un altare che ancora oggi si vede al lato di quello maggiore.Alcuni clamorosi miracoli, avvenuti poco dopo la traslazione, diedero ben presto grande fama al santo del paese e numerosi pellegrini , provenienti dall'Irpinia,dalla valle caudina ,dal Sannio,dal valfortore e dai paesi del napoletano , incominciarono ben presto a far visita al santuario tanto che fu necessario ampliare la struttura della chiesa , resasi ormai insufficiente alle esigenze di culto. Fu così che l'antica collegiata ,risalente al 1200,venne abbattuta per dare spazio all'attuale chiesa ,bella ed imponente ma che ha però privato la comunità altavillese di una struttura che con ogni probabilità era forse architettonicamente più significativa. Moltissime sono le fonti che ci documentano sulla importanza che in passato ebbe il culto e la devozione per questo santo . La presenza di tantissimi ex voto conferma infatti quanto diffuso dovesse essere tra i fedeli la devozione per il santo taumaturgo i cui miracoli furono a tal punto portentosi che non poche cronache al riguardo vi sono negli atti notarili dell'epoca ,atti che le persone miracolate erano solite stipulare con il chiaro intento di lasciarne testimonianza a futura memoria. Oggi la festa ha sicuramente un aspetto molto più folcloristico rispetto al passato e sovente esso soverchia quello religioso ,pur tuttavia è ancora particolarmente sentita dal popolo al punto tale che non pochi emigranti prediligono far ritorno al paese proprio nella occasione della festa del 24 / 25 / e 26 agosto .